I migliori sintoamplificatori

 

Guida per scegliere il miglior sintoamplificatore

 

Il sintoamplificatore è un dispositivo versatile perché unisce al miglioramento della qualità audio la possibilità di ascoltare la radio. Continua nella lettura della nostra guida e valuterai, in primo luogo, quali sono i fattori in base ai quali poter fare una comparazione tra i diversi modelli e, in secondo luogo, potrai scoprire la classifica di quelli che sono, per noi, i migliori sintoamplificatori del 2016.

A.1 Sintoamplificatore

 

Guida all’acquisto

 

Prestazioni

L’audio dei film o dei videogiochi in casa proprio non ti soddisfa e intendi cambiare radicalmente la situazione? In questo caso devi considerare le prestazioni offerte dal sintoamplificatore perché il modello più adatto alle tue esigenze potrebbe essere quello dotato della più moderna tecnologia: un innovativo sistema surround darà una svolta netta all’esperienza sonora del tuo televisore perché l’audio sarà avvolgente e avrai la sensazione che provenga da ogni punto della casa, proprio come se fossi immerso nella scena che stai visualizzando.

Cerca di capire, soprattutto dalla recensione dei consumatori, se l’audio è pulito, chiaro e con poche distorsioni.

Se, invece, ti piace il suono potente, valuta i watt e il numero di canali disponibili nei modelli presenti sul mercato, mettendo in conto qualche possibile litigio con i vicini…

 

Connessioni

Un altro aspetto che dovresti considerare con attenzione è il parco connessioni di cui dispongono i vari modelli. La migliore marca di sintoamplificatori potrebbe essere per te quella più generosa da questo punto di vista.

Oggi i dispositivi audio e video presenti in casa sono sempre più numerosi, specialmente se hai figli adolescenti in cerca della massima connettività.

Valuta, dunque, quali e quante connessioni sono presenti complessivamente davanti e sul retro, in particolare gli ingressi HDMI e USB. Più ce ne sono e meglio è. Il vantaggio è la possibilità di collegare contemporaneamente più dispositivi e godere della maggiore potenza e qualità audio assicurata dal sintoamplificatore.

Se hai un giradischi a cui sei affezionato al quale vuoi restituire nuova vita, tra i nostri consigli d’acquisto troverai modelli – non sono molti con tale funzione – dotati anche di questo ingresso.

 

Versatilità

Un sintoamplificatore può definirsi versatile quando supporta il maggior numero possibile di formati ed è questo uno degli elementi che ti consigliamo di controllare nella descrizione dei modelli che ti hanno colpito di più.

Un altro aspetto da tenere in grande considerazione è la possibilità di collegarsi in wireless tramite Bluetooth. Tra i sinto più venduti e di successo si trovano spesso proprio quelli in grado di supportare questa tecnologia.

Il vantaggio è poter ascoltare la musica con un audio di qualità maggiore inviandola comodamente dal proprio PC o dispositivo mobile.

Infine i modelli più recenti supportano anche AirPlay e Spotify per gli amanti della musica in streaming e sono in grado di connettersi alla rete domestica tramite la funzionalità DLNA.

 

 

I migliori sintoamplificatori del 2016

 

 

Onkyo TX-NR646

 

1.Onkyo TX-NR646Se il prezzo non è un problema per te, ti consigliamo di valutare con grande attenzione questo modello della Onkyo che non poteva mancare nella nostra guida per scegliere il miglior sintoamplificatore.

L’innovativo sistema audio Dolby Atmos porta l’esperienza sonora a livelli mai provati prima perché, grazie a questa tecnologia, il suono arriva adesso anche dall’alto, oltre che da dietro e dai lati ed è quindi molto più coinvolgente.

Viene, inoltre, impiegato il DTS:X, il formato audio di ultima generazione che contribuisce a rendere l’esperienza sonora indimenticabile, l’ideale per gli utenti più esigenti.

La ricchezza delle connessioni è un altro punto di forza del sinto Onkyo, tra i più venduti online, perché dispone, tra gli altri, di ben otto ingressi e due uscite HDMI e dell’insolito ingresso per il giradischi che ne fanno un dispositivo completo.

Wi-Fi e Bluetooth integrati, insieme al supporto di Spotify, Airplay e DLNA, lo rendono infine quanto mai versatile.

 

 

Denon AVR-X520BT

 

2.Denon AVR-X520BTAbbiamo considerato il Denon, se non il migliore sintoamplificatore del 2016, uno dei migliori. I cinque canali con 130 watt di potenza ciascuno dovrebbero offrire ampie garanzie anche ai consumatori più esigenti.

A differenza di altri sintoamplificatori, il Denon prevede l’utilizzo di un microfono per il setup, ma si tratta di un’operazione che può essere svolta con grande semplicità.

Ricco il parco connessioni che prevede un ingresso USB frontale, due ottici e ben cinque ingressi e un’uscita HDMI anche con supporto 4k. Ciò significa che sarà possibile connettere tutti i dispositivi che si vuole, anche quelli di ultima generazione.

Da sottolineare la connettività Bluetooth supportata e la presenza di un’applicazione gratuita Denon tramite la quale controllare comodamente le funzioni dal proprio dispositivo mobile; si tratta di un importante avanzamento non presente nel modello precedente.

 

 

Sony STR-DH130

 

3.Sony STR-DH130Come scegliere un buon sintoamplificatore economico? Una risposta convincente viene da questo modello Sony, imbattibile quanto a rapporto qualità/prezzo. Se non vuoi spendere molto senza rinunciare alla qualità, dagli un’occhiata perché ne vale la pena.

Si tratta di un ricevitore a due canali da 100 watt l’uno, una potenza che, per quanto non esplosiva, è destinata a cambiare l’audio della tua abitazione.

La presenza di cinque ingressi e due uscite audio consente di collegare molte, se non tutte, le apparecchiature presenti in casa quali televisore, lettore Blu-ray, DVD, console giochi. Inoltre la minispina stereo permette di collegare anche il cellulare o il lettore portatile, mentre il Bluetooth non è supportato.

Il sintonizzatore ha 30 stazioni radio preimpostate, più che sufficienti per memorizzare tutte le tue preferite.

Molto utile per risparmiare energia si dimostra, infine, la funzione di stand-by automatico che si attiva dopo 30 minuti di mancato utilizzo.

 

 

Yamaha R-S201

 

4.Yamaha R-S201Confronta prezzi e prestazioni e scoprirai perché il sintoamplificatore Yamaha è presente nella nostra classifica: pur essendo un modello di prima fascia, ha tutte le carte in regola per non scontentare nessuno.

Molti consumatori confermano che questo Yamaha, pur rivolgendosi a un pubblico con un budget molto limitato, riesce a esprimere un suono ricco e di grande qualità grazie alla speciale progettazione che ha permesso di ridurre al minimo le perdite di segnale.

Non male la potenza del suono che può contare su due canali da 100 watt l’uno. Il design semplice ed elegante è un altro punto di forza di questo modello perché si abbina bene alle altre apparecchiature elettroniche già presenti.

La possibilità di memorizzare fino a 40 stazioni radio e la facilità d’uso che caratterizza questo sinto, molto meno complesso di altri modelli, rappresentano altre due frecce al suo arco.

 

 

Pioneer VSX-330

 

5.Pioneer VSX-330Pioneer non manca mai nelle classifiche dei migliori prodotti nel campo musicale, quindi se non sai quale sintoamplificatore comprare, un ulteriore suggerimento che ti forniamo è proprio quello di valutare un prodotto dell’azienda giapponese.

Il modello di cui parliamo ha, tra i suoi vantaggi, l’elevata potenza grazie ai cinque canali da 105 watt l’uno. Lo svantaggio potrebbe essere solo quello di venire rimproverati dai vicini…

Non è dotato di connettività wireless Bluetooth ma, per il resto, è completo di tutto.

Supporta gli ultimi standard quali Dolby True HD, DTS-HD Master Audio e, soprattutto, i formati 4K che hanno una risoluzione quattro volte più alta di quella Full HD.

Il vantaggio è poter godersi l’audio migliore anche dei formati di ultima generazione.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (25 votes, average: 4.86 out of 5)
Loading...
Cookies: Su questo sito possono essere presenti cookies tecnici di terze parti che permettono di fare analisi di tipo statistico su visite e comportamento dell'utenza, in particolare si tratta di cookies gestiti da Amazon e Google con il servizio Google Analytics.